Eco-beauty routine: accorgimenti per la cura personale senza inquinare

di Glenda Oddi

Il mondo dei cosmetici è spesso in conflitto con l’ambiente. Molti dei prodotti che usiamo per la nostra bellezza hanno infatti un forte potere inquinate come gli shampoo per esempio. Se avete a cuore l’ambiente potere introdurre nella vostra quotidianità delle piccole alternative green ai prodotti comunemente usati per la cura quotidiana. In primo luogo abbiamo il bicarbonato. Si può usare per fare uno scrub, per ammorbidire la pelle aggiungendolo all’acqua della vasca, per favorire la pulizia dei capelli e tanto altro ancora. Per evitare l’impiego dei dischetti struccanti usa e getta si possono impiegare quelli in cotone che possono essere facilmente lavati (anche in lavatrice, magari inserendoli tutti in una sacchettina in tessuto per non perderli). Altro prodotto green per la nostra bellezza è lo shampoo solido molto meno inquinante di quello liquido. Al posto dei profumi tradizionali è possibile impiegare gli oli essenziali, non hanno sostanze tossiche o alcool al loro interno e regaleranno un odore piacevolmente naturale al nostro incarnato. Riguardo i cotton fioc, le donne ne usando davvero tanti perché oltre che per l’igiene delle orecchie sono gli strumenti più utili per la correzione del trucco. Per questo motivo è bene optare per la loro versione biodegradabile in bambù e cotone organico che è ormai prodotta da diverse aziende. Oltre tutto questo bisogna ricordare che molti prodotti che utilizziamo per la nostra cura (come shampoo e balsamo) sono disponibili anche in flaconi ricaricabili cosa che permette di abbattere la quantità di plastica che gettiamo via.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.