storia

Origini e storia dell’albero di Natale

di Benedetta Giovannetti Albero o presepe? Oppure tutti e due? Chi preferisce l’uno, chi preferisce l’altro e chi fa entrambi, ma come nasce l’usanza dell’albero di Natale? Scopriamo qualcosa di più su questa antica tradizione. Addobbare l’albero di Natale con palline, luci, festoni, dolciumi e ghirlande è una delle tradizioni natalizie più diffuse al mondo, di solito si prepara in occasione della festa della immacolata Concezione l’8 dicembre ed intorno ad esso ci si riunisce la mattina di natale per scartare i regali che sono disposti ai suoi piedi. Se guardiamo però alle sue origini scopriamo che esse sono di origine pagana, pare che la tradizione affondi le radici nella cultura celtica, dove per i druidi, gli antichi sacerdoti dei Celti l’abete era considerato simbolo di lunga vita, dal momento che rimaneva sempre verde anche di inverno. Con l’avvicinarsi di questa stagione questi abeti venivano tagliati e addobbati con nastri fiaccole e animaletti votivi per propiziarsi il favore degli spiriti. Ma non solo i Celti seguivano il culto degli abeti pare che anche i Vichinghi nel nord Europa seguissero il culto dell’abete rosso, albero in gradi di esprimere poteri magici che veniva tagliato e portato a casa per essere decorato con frutti, in modo da ricordare la fertilità che la primavera avrebbe ridato loro. Con la nascita del cristianesimo l’uso dell’albero di natale si afferma anche nelle tradizioni cristiane, grazie alla scena biblica dell’Eden, nella notte in cui si celebra la nascita di Cristo l’albero posto al centro del giardino dell’Eden diventa anche l’albero intorno al quale l’umanità ritrova il perdono. Il primo albero di Natale è nato a Tallinn, in Estonia nel 1441 quando fu eretto nella piazza del Municipio un grande abete intorno al quale giovani scapoli, uomini e donne, ballavano insieme alla ricerca dell’anima gemella. Tale usanza

Read More »

Continua a leggereOrigini e storia dell’albero di Natale

La leggenda celtica del vischio

di Benedetta Giovannetti Il vischio è una pianta sempre verde particolare infatti è una pianta parassita, il suo seme, infatti si insinua nella pianta che lo ospita fino ad innestarsi e a diventare parte di essa. Per il Celti il vischio era il simbolo era il simbolo della resurrezione, della sopravvivenza della vita alla morte, affascinati dalla sua vita aerea credevano che fosse un simbolo degli dei e per questo per il fatto che fosse in grado di vivere senza toccare terra i celti gli attribuivano un grande potere. Tanto che per raccogliere questa pianta attuavano una serie di cerimonie, volte a celebrare la sopravvivenza dello spirito alla morte fisica. Infatti i Celti credevano che il vischio avesse un ciclo vitale di tre fasi: un soggetto che trapassa la morte rappresenta il vischio, l’uccello che ne trasporta i semi è il messaggero della vita e l’intenzione divina conferisce il potere di nascere e di crescere. Esso pertanto era una delle piante più preziose dell’erboristeria celtica, ed era associato alla vita di un re o di un grande capo. Il vischio veniva raccolto nel sesto giorno di luna crescente, quando si incrementava di potenza. Il druido che lo tagliava, officiando la cerimonia era interamente vestito di bianco e venivano sacrificati dei giovani tori bianchi per rinnovare il patto con la divinità. I cristiani ripresero in parte questa tradizione del vischio come pianta portatrice di fortuna con il gesto di baciarsi sotto il vischio.
Continua a leggereLa leggenda celtica del vischio

Il presepe, i presepi più antichi

di Benedetta Giovannetti Albero o presepe? Oppure tutti e due? Chi preferisce l’uno, chi preferisce l’altro e chi fa entrambi, ma come nasce il presepe? Qual è la sua storia e cosa simboleggia? La più antica raffigurazione della Vergine con il bambino è raffigurata nelle catacombe di Priscilla sulla Via Salaria a Roma ed è stato dipinto da un’artista ignoto del III secolo all’interno di un arcosolio del II. Nella tradizione bizantina la natività è raffigurata in una grotta con la Vergine Maria distesa su un giaciglio con il figlio nella mangiatoia mentre San Giuseppe è raffigurato simbolicamente all’esterno in disparte. Il primo presepe scultorio si ritiene sia quello di Arnolfo di Cambio nella Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma. Giotto fu il primo a raffigurare a Padova nella cappella degli Scrovegni una natività più realistica con dettagli naturalistici seppur ancora legati ai canoni bizantini. Nel 400 alcuni grandi maestri della pittura italiana raffigurarono scene della Natività dette anch’esse presepe. Botticelli lo ha fatto nell’adorazione dei Magi dove raffigura personaggi della famiglia dei Medici, Filippino Lippi compose la natività che si trova al museo Diocesano di Milano. Anche Luca ed Andrea della Robbia hanno rappresentato scene della natività dove tra tutte si ricorda quella del Convento della Verna. La rappresentazione tridimensionale allestita in occasione delle festività natalizie è un’usanza che ebbe origine all’epoca di San Francesco che nel 1223 realizzò a Greccio la prima rappresentazione della Natività. L’iconografia del presepio ben presto passò dall’ambito artistico a quello popolare specie all’interno delle Chiese nelle quali la rappresentazione della nascita di Gesù con le statuine ed elementi tratti dall’ambiente naturale diventò un rito irrinunciabile. Ma il grande sviluppo dei presepi scolpiti si ebbe nel 700 quando si formarono le grandi tradizioni presepistiche del presepe napoletano, genovese e bolognese. Tra i presepi

Read More »

Continua a leggereIl presepe, i presepi più antichi

Il presepe, significato e storia

di Benedetta Giovannetti Albero o presepe? Oppure tutti e due? Chi preferisce l’uno, chi preferisce l’altro e chi fa entrambi, ma come nasce il presepe? Qual è la sua storia e cosa simboleggia? Il presepe è una rappresentazione della nascita di Gesù che ha origine tardo antiche e medievali, da un’usanza tipicamente italiana di allestire il presepe in casa nel periodo natalizio oggi è diffusa in tutti i paesi cattolici del mondo. Le fonti per la sua raffigurazione sono i 180 versetti dei Vangeli di Matteo e Luca quelli dell’infanzia, che riportano la nascita di Gesù avvenuta ai tempi di Erode a Betlemme di Giudea. Esso è composta da statue formate di vari materiali e disposte in un ambiente ricostruito in modo realistico, e vi compaiono tutti i personaggi e i luoghi della tradizione, la grotta, la mangiatoia, Giuseppe e Maria, i magi, i pastori, le pecore, il bue, l’asinello e gli angeli. La statuina di Gesù si colloca nella mangiatoia alla mezzanotte tra il 24 e 25 dicembre, mentre i Magi si avvicinano alla mangiatoia il giorno dell’Epifania, come sfondo un cielo stellato oppure uno scenario paesaggistico, a volte si possono aggiungere altri personaggi. Il presepe si mantiene di solito fino all’Epifania quando si mettono i Re magi di fronte alla Sacra famiglia, oppure sino al giorno della Candelora, la festa della presentazione di Gesù al tempio ebraico che la Chiesa cattolica celebra il 2 febbraio.
Continua a leggereIl presepe, significato e storia

Caterina II di Russia: imperatrice illuminata, mecenate e “Grande” donna

Molte donne hanno lasciato un segno tangibile nella storia, grazie alla loro intelligenza e alle loro capacità. Caterina II di Russia ha addirittura guadagnato l’appellativo di “Grande”. Di Anna Rita Rossi Nel saggio-romanzo di Virginia Woolf “Una stanza tutta per sé” (A Room of One’s Own) del 1929, considerato un testo cult della seconda ondata del movimento femminista degli anni ’60, la scrittrice inglese afferma che “For most of history, Anonymous was a woman” (Per gran parte della storia, l’Anonimo era donna). Più tardi questa affermazione è stata aneddotticamente trasposta in “Dietro ogni grande uomo c’è sempre una grande donna”. Ma non tutte le donne sono rimaste alle spalle di un uomo, molte sono emerse dall’ombra e hanno brillato di luce propria, ritagliandosi nella storia un posto unico e ben definito. Una di queste è stata Caterina II di Russia, nota come, Caterina la Grande. Era il 17 novembre 1796, Caterina si era alzata e, come di consueto, aveva bevuto il suo caffè. Si era poi dedicata alla corrispondenza e agli studi e più tardi, era andata nel suo gabinetto privato. Preoccupato per la sua prolungata assenza, il suo attendente Zakhar Zotov aveva aperto la porta della stanza e aveva trovato l’imperatrice distesa sul pavimento: il volto violaceo, il polso debole, il respiro rantolante. Sollevata e condotta nella sua camera, Caterina fu visitata dal protomedico di corte, John Rogerson, chiamato d’urgenza, che diagnosticò che l’imperatrice aveva avuto un attacco cardiaco. Ogni tentativo di rianimarla fu vano e Caterina non si riprese più dal coma e alle 21:45, morì. Così si concluse la grandiosa vita di Caterina II, ovvero Sofia Federica Augusta di Anhalt-Zerbst. Caterina non era bella: aveva il naso troppo lungo; il mento era pronunciato; le labbra erano sottili e i suoi grandi occhi azzurri lanciavano sguardi severi e

Read More »

Continua a leggereCaterina II di Russia: imperatrice illuminata, mecenate e “Grande” donna

La vacanza alternativa di chi sceglie l’eremo o il convento

L’immenso patrimonio architettonico-storico e religioso rappresentato da Conventi, Eremi e Monasteri offre anche incredibili opportunità di ospitalità per coloro che ricercano un’alternativa alta alla vacanza tradizionale. Tra natura, cultura, impegno e spiritualità di Alberto Piastrellini Ti svegli al mattino col suono attutito delle piccole campane che chiamano i fedeli alla preghiera, mentre dalle piccole finestre la luce del sole ritaglia scacchi luminosi su antichi pavimenti di cotto.L’assenza dei rumori quotidiani, il traffico, i clacson, l’onnipresente vibrazione di fondo delle nostre città è quasi straniante, all’inizio, ma l’orecchio si abitua subito ritrovando panorami sonori più consoni al nostro essere animali: i canti degli uccelli, lo stormire delle fronde, il ronzio degli insetti. Il tempo sembra sospeso, infinito; le ore del giorno si dilatano incomprensibilmente mentre gli occhi riscoprono con stupore le impercettibili variazioni di luce cui normalmente non si bada presi dalle urgenze del lavoro e dal ritmo artificiale delle nostre esistenze. Nell’assenza di stimoli artificiali e nel timore di rompere una ritrovata armonia è facile abbandonarsi alla riflessione, alla meditazione, alla ricerca interiore e, dopo qualche giorno, complice un’alimentazione gustosa e bilanciata al tempo stesso, il corpo e lo spirito sembrano rinnovati come un prato dopo un acquazzone. La vacanza ideale, preziosa per i suoi benefici, non solo sulla mente, è alla portata di tutti eppure lontanissima dai cataloghi delle agenzie di viaggio e dalla fascinazione artificiale delle mète commerciali. Costa poco, rende parecchio e spesso non implica neppure faticosi spostamenti lungo autostrade intasate e infuocate, anzi, predilige arterie secondarie che consentono di riscoprire paesaggi e territori poco battuti… Monasteri, Eremi, Abbazie, Conventi, da sempre garantiscono la solitudine e l’isolamento della vita cenobitica e monastica con l’afflato dell’accoglienza: un tempo ai pellegrini e ai viandanti, oggi, verso i nuovi cercatori di un senso del vivere. E l’estate, con le sue

Read More »

Continua a leggereLa vacanza alternativa di chi sceglie l’eremo o il convento