ORGANI ED EMOZIONI

La chiave di lettura della medicina tradizionale cinese e alcuni rimedi

di Erica Angeletti (Naturopata)

La medicina tradizionale cinese è una medicina energetica antichissima. Molti la conosceranno ormai per i trattamenti di agopuntura o di shiatsu, i quali si basano proprio su di essa. L’energia sottile del nostro corpo scorre in canali detti meridiani ed essi ci indicano lo stato di benessere di organi e apparati.

La MTC non separa mai l’uomo in “sezioni”, ma ne effettua sempre una valutazione olistica, cioè di insieme: esso è dunque considerato come entità fisica e psichica, in cui corpo e mente hanno lo stesso peso e si influenzano a vicenda.

Secondo la medicina tradizionale cinese l’uomo è un microcosmo legato ad un macrocosmo (ambiente che lo circonda), perciò viene estremamente influenzato dall’esterno, sia a livello fisico che emotivo. Le emozioni, specie se prolungate, portano ad uno squilibrio energetico prima e fisico poi: ne è un tipico esempio la gastrite, che quasi sempre compare per situazioni “indigeste” che non possiamo controllare o per arrabbiature continue in famiglia o sul posto di lavoro.

Andiamo a scoprire le principali coppie di organi ed emozioni, seguite da alcuni rimedi naturali per tornare in equilibrio.

  • FEGATO: è la sede della RABBIA, non a caso quando ci lasciamo logorare dalle arrabbiature si dice “rodersi il fegato” oppure definiamo “fegatose” le persone dal carattere fumantino.

Per coloro che sono soggetti a questa emozione è bene innanzitutto imparare a “buttare fuori”: non c’è cosa peggiore del trattenere la rabbia all’interno e lasciare che essa ci consumi, provocando reflusso o gastrite. In secondo luogo possiamo aiutarci con alcuni fiori di Bachcherry plumper coloro che sbottano improvvisamente, willowper chi prova risentimento e senso di ingiustizia e hollyper la rabbia generata dall’odio. Infine possiamo anche ricorrere agli oli essenziali di camomillae dilavanda: frizionati sui polsi e annusati o semplicemente diffusi nell’ambiente sono le migliori essenze sedative per i nervi.

  • MILZA-PANCREAS: è la sede del PENSIERO. Se essa si trova in equilibrio avremo come risultato chiarezza di pensiero e benessere psichico; al contrario può indurre ad una sorta di blocco mentale che ci impedisce di prendere decisioni e andare avanti, creando rimuginio e preoccupazioni.

Viene in aiuto dei “rimuginatori” white chestnut, il fiore di Bach per la tortura mentale, per chi ha pensieri persistenti che girano in tondo nella mente e tolgono la pace, ma anche per chi vive in un perenne stato di preoccupazione.

  • POLMONI: sono la sede della TRISTEZZA. Un’alterazione dell’energia del polmone causa i cosiddetti “sospiri di tristezza” e può indurre il desiderio di solitudine e di mancanza di scambi con l’esterno.

Possiamo combattere la tristezza con gli oli essenziali agrumati, come arancio dolceamaroneroli mandarino: sono gli antidepressivi dell’aromaterapia, veri e propri ottimizzatori del tono dell’umore. Il  mandarino è l’essenza dei bambini e dona un messaggio di felicità.

  • RENI: sono la sede della PAURA, forse è per questo che esiste il detto “farsela sotto dalla paura”. Tipica dei bambini è l’enuresi notturna, spesso causata dalla paura del buio o da brutti sogni.

Come combatterla? Possiamo ricorrere ad alcuni fiori di Bach, in base al tipo di paura: rock rose per il panico, mimulusper le fobie, cherry plum per chi ha paura di perdere il controllo, aspen per le paure indefinite (quasi un senso di premonizione catastrofica) e infine red chestnut per chi teme per i propri cari più che per sé stesso, in sintesi la classica mamma chioccia. In alternativa mettete nel diffusore qualche goccia di olio essenziale di basilico.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.